×

Error message

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in sofistar_project_html_tags() (line 265 of /var/www/vhosts/basergamozzetti.ch/httpdocs/sites/all/modules/sofistar_project/sofistar_project.module).
Centro gioventù e sport
Bellinzona, 2009
Con questo progetto riuniamo le funzioni richieste in un unico volume posto in stretta relazione con la città, preservando il vuoto verde della parte golenare. La sua fisionomia e l'espressione architettonica sottolineano la volontà di un edificio urbano capace di tessere relazioni sia con la città e i suoi castelli, nonchè con gli edifici limitrofi e il paesaggio golenare. La pianta quadrata e la tipologia scelta permettono di cogliere più orientamenti: in particolare sull'asse est-ovest, ovvero la relazione città-fiume e sull'asse nord-sud, ossia con gli edifici scolastici da un lato ed il vuoto fino al comparto delle piscine. La ricerca tipologica che caratterizza l'edificio è permeata dalla volontà di relazionare l'edificio agli elementi urbanistici e paesaggistici circostanti. Le piante sono così caratterizzate da due fasce servite al lati e uno spazio "pubblico" serviente nel mezzo che si apre attraverso le terrazze verso l'esterno, cogliendo vari elementi del territorio. Differenziamo i due piani inferiori con lo spazio passante tra città e fiume dai due piani superiori dei dormitori, il cui spazio passante si relaziona alle infrastrutture sportive e scolastiche, parallelamente al corso del fiume. Lo spazio interno è caratterizzato da una certa complessità spaziale, in particolare attraverso la sua rotazione tra i livelli, e dalla luce zenitale che illumina i collegamenti verticali. Il tetto terrazza sottolinea infine l'importanza del paesaggio e della verticalità, offrendo uno spazio di relazione caratterizzato da un peristilio con patio centrale aperti sugli elementi del paesaggio circostante ed il cielo. L'espressione architettonica e la scelta dei materiali - ancora tutta d'approfondire - sottolineano la volontà di esprimere urbanità, conferendo all'edificio un tono pubblico alla scala cittadina.
{"1":"width = auto; height = 148px;","2":"width = auto; height = 148px;","3":"width = auto; height = 148px;","4":"width = auto; height = 148px;","5":"width = 220px; height = auto;","9":"width = auto; height = 148px;","10":"width = auto; height = 148px;","12":"width = auto; height = 148px;","13":"width = auto; height = 148px;","15":"width = auto; height = 148px;","20":"width = auto; height = 148px;","22":"width = auto; height = 148px;","24":"width = auto; height = 148px;","25":"width = auto; height = 148px;"}
Bellinzona
2009
Con questo progetto riuniamo le funzioni richieste in un unico volume posto in stretta relazione con la città, preservando il vuoto verde della parte golenare. La sua fisionomia e l'espressione architettonica sottolineano la volontà di un edificio urbano capace di tessere relazioni sia con la città e i suoi castelli, nonchè con gli edifici limitrofi e il paesaggio golenare. La pianta quadrata e la tipologia scelta permettono di cogliere più orientamenti: in particolare sull'asse est-ovest, ovvero la relazione città-fiume e sull'asse nord-sud, ossia con gli edifici scolastici da un lato ed il vuoto fino al comparto delle piscine. La ricerca tipologica che caratterizza l'edificio è permeata dalla volontà di relazionare l'edificio agli elementi urbanistici e paesaggistici circostanti. Le piante sono così caratterizzate da due fasce servite al lati e uno spazio "pubblico" serviente nel mezzo che si apre attraverso le terrazze verso l'esterno, cogliendo vari elementi del territorio. Differenziamo i due piani inferiori con lo spazio passante tra città e fiume dai due piani superiori dei dormitori, il cui spazio passante si relaziona alle infrastrutture sportive e scolastiche, parallelamente al corso del fiume. Lo spazio interno è caratterizzato da una certa complessità spaziale, in particolare attraverso la sua rotazione tra i livelli, e dalla luce zenitale che illumina i collegamenti verticali. Il tetto terrazza sottolinea infine l'importanza del paesaggio e della verticalità, offrendo uno spazio di relazione caratterizzato da un peristilio con patio centrale aperti sugli elementi del paesaggio circostante ed il cielo. L'espressione architettonica e la scelta dei materiali - ancora tutta d'approfondire - sottolineano la volontà di esprimere urbanità, conferendo all'edificio un tono pubblico alla scala cittadina.
Sezione della logistica del Canton Ticino
1° Acquisto
Numero progetto: 
137
Render/modello: