Kunstmuseum Bern
Bern, 2006 - 2009
Il progetto presume la formazione di sale espositive di grande dimensione e di massima flessibilità.
L’esiguità dello spazio a disposizione e la volontà di preservare le caratteristiche urbanistiche del Museo esistente, ci hanno condotto alla concezione di un edificio quasi completamente interrato. L’intervento si manifesta però chiaramente attraverso il corpo di collegamento ed il ridisegno dello spazio esterno verso il fiume. La dimensione dello spazio vuoto definito dal nuovo corpo vetrato della scala preserva la forte presenza urbanistica dell’edificio esistente e crea uno spazio la cui dimensione permette un suo utilizzo sia per la funzionalità del museo, sia per eventuali istallazioni esterne.
Il collegamento avviene al piano -1 e diventa percorso all’esterno dell’edificio esistente, permettendo al visitatore di scorgere il paesaggio verso il fiume, la facciata stessa dell’esistente e nel contempo orientarsi nel contesto del complesso museale.
Il volume emergente permette di condurre la luce naturale in profondità, nonché esprimere un preciso carattere architettonico della zona di collegamento verticale. Le sale saranno per contro completamente neutrali. L’utilizzo delle sale e della luce naturale può essere adattato alle esigenze, attraverso divisioni temporanee.
{"1":"width = auto; height = 148px;","2":"width = auto; height = 148px;","3":"width = auto; height = 148px;","4":"width = auto; height = 148px;","5":"width = 220px; height = auto;","9":"width = auto; height = 148px;","10":"width = auto; height = 148px;","12":"width = auto; height = 148px;","13":"width = auto; height = 148px;","15":"width = auto; height = 148px;","20":"width = auto; height = 148px;","22":"width = auto; height = 148px;","24":"width = auto; height = 148px;","25":"width = auto; height = 148px;"}
Bern
2006 - 2009
Il progetto presume la formazione di sale espositive di grande dimensione e di massima flessibilità.<br> L’esiguità dello spazio a disposizione e la volontà di preservare le caratteristiche urbanistiche del Museo esistente, ci hanno condotto alla concezione di un edificio quasi completamente interrato. L’intervento si manifesta però chiaramente attraverso il corpo di collegamento ed il ridisegno dello spazio esterno verso il fiume. La dimensione dello spazio vuoto definito dal nuovo corpo vetrato della scala preserva la forte presenza urbanistica dell’edificio esistente e crea uno spazio la cui dimensione permette un suo utilizzo sia per la funzionalità del museo, sia per eventuali istallazioni esterne.<br> Il collegamento avviene al piano -1 e diventa percorso all’esterno dell’edificio esistente, permettendo al visitatore di scorgere il paesaggio verso il fiume, la facciata stessa dell’esistente e nel contempo orientarsi nel contesto del complesso museale.<br> Il volume emergente permette di condurre la luce naturale in profondità, nonché esprimere un preciso carattere architettonico della zona di collegamento verticale. Le sale saranno per contro completamente neutrali. L’utilizzo delle sale e della luce naturale può essere adattato alle esigenze, attraverso divisioni temporanee.
Kunstmuseum Bern
ing. Pedrazzini Guidotti sagl e Grignoli Muttoni Partner
2° rango
Numero progetto: 
100
Render/modello: